Associazione di Volontariato per la Cooperazione allo Sviluppo
Codice Fiscale 94101610304
Sede: via Ermes di Colloredo, 6/1
33048 San Giovanni al Natisone (UD)
Indietro •
Risultati raggiunti •


Progetto per ripristinare i servizi igienici
del centro storico di Fianarantsoa - Madagascar
 
 
 

Soggetto proponente: FIORI DI CAMPO onlus 

Budget richiesto: € 2.800

Messa in opera: programma di salvaguardia della Città Vecchia di Fianarantsoa

Periodo proposto per l’intervento: dal 15 settembre al 15 dicembre 2009 
 
 

I servizi igienici pubblici furono costruiti negli anni ’80 e gestiti dalla Città di Fianarantsoa per circa un decennio, per poi andare in rovina. Nel 2005 il Programma per la Salvaguardia della Città Vecchia (PSVV) ha lavorato con la Città di Fianarantsoa per rendere prioritario l’intervento di rinnovamento e riapertura dei bagni pubblici (docce e gabinetti). Contemporaneamente, la gestione delle strutture sanitarie fu trasferita presso un comitato locale al fine di garantire una gestione migliore. La struttura fu gestita egregiamente per diversi mesi e fornì un servizio eccellente alla comunità, ma subito dopo la sua apertura un grave problema tecnico (probabilmente una sorta di falla nella fossa) ha comportato che la fossa ha continuato a riempirsi di acqua. La Città non fu in grado di trovare l'origine del problema ed i servizi igienici furono chiusi, con amara delusione della comunità. Da allora il PSVV ha cercato di trovare una soluzione al problema.

I servizi igienici prima del rinnovamento iniziale.


All’inizio di quest'anno, è stato proposto di conservare l’esistente parte superiore dell’edificio, ma aggiungendo una sistema settico. Questo permetterebbe all’attuale fossa inutilizzabile di non essere abbandonata, convertendola in una fossa biologica molto più ecologica e meno costosa. Un altro vantaggio di questa alternativa è che non ci sarebbe bisogno di svuotare la fossa quando questa si riempie. La pulizia della fossa richiede attrezzature, possedute dal comune, che sono sia costose da utilizzare sia spesso non disponibili (ovvero rotte). I nuovi servizi igienici verrebbero ancora gestiti da un comitato stabilito dagli anziani della comunità. Così come tutti gli altri gabinetti/docce pubblici in Madagascar, ci sarà una piccola cifra da pagare per le persone che utilizzano i gabinetti e le docce al fine di coprire il costo del funzionamento (principalmente: acqua, retribuzione delle persone che gestiscono il centro ed infine manutenzioni e riparazioni). Tradizionalmente in Madagascar non c’è alcun costo da pagare per l’utilizzo delle latrine, che sono a disposizione solo degli uomini. Una latrina per donne fu costruita in questa struttura quando fu ripristinata nel 2005, ciò per assicurare anche alle donne di avere accesso gratuitamente a questo servizio.

L’edificio dopo la ristrutturazione. Sfortunatamente, la struttura fu aperta solo pochi mesi prima del verificarsi di gravi problemi tecnici legati alla fossa, che causarono la sua chiusura. Al momento, la Città Vecchia non ha a disposizione strutture sanitarie pubbliche di questo tipo funzionanti.
Poiché ci sono molti turisti nella Città Vecchia, si propone di dotare il centro anche di vasi sanitari a piedistallo di stile inglese (i comuni wc) per un utilizzo anche da parte loro. Questo costituirebbe un servizio significativo durante le visite turistiche, data l’elevata richiesta di servizi igienici. Rendendo l’utilizzo da parte dei turisti un po’ più costoso rispetto alle altre latrine con le turche usate dai locali, si dovrebbe riuscire a compensare alcuni dei costi di gestione e di conseguenza a tenere basse le tasse per la comunità locale.
La latrina pubblica della Città Vecchia di Fianarantsoa verrebbe utilizzata da diversi fruitori:
  • Le famiglie che vivono nelle aree molto densamente popolate della Città Vecchia non hanno locali per costruire latrine esterne compostanti e quasi nessuna famiglia ha latrine interne. Queste famiglie fanno i loro bisogni in sacchetti di plastica, che poi gettano nei canali di scolo, causando a loro stesse imbarazzo ed un grave pericolo per la salute pubblica nella Città Vecchia.
  • Le persone che frequentano l’ormai popolare mercato della Città Vecchia.
  • Le persone che passano attraverso la Città Vecchia per andare al mercato centrale di Fianarantsoa (alcune centinaia di persone nel giorno di mercato).
  • Le persone che utilizzeranno il dispensario di prossima apertura nella Città Vecchia.
  • I turisti ed altri visitatori.

  • Il lavoro sull’edificio verrà portato avanti da un appaltatore locale che ha costruito svariati sistemi settici di questo tipo in scuole, chiese ed ospedali nell'area. Questo appaltatore ha già lavorato con il PSVV, ristrutturando l’edificio adibito a dispensario, ed è coerente con gli approcci del programma (uso di materiali locali e reclutamento di personale non specializzato dalla comunità). Ci si aspetta che quest’opera richieda circa 3 mesi di lavoro e durante questo periodo il comitato di gestione verrà costituito e verrà fornita un’adeguata formazione ai suoi membri.
    Questo progetto avrà il maggior impatto servendo le fasce più povere della comunità, che non hanno servizi sanitari privati nelle loro case ed inoltre migliorerà significativamente la situazione della salute pubblica nella Città Vecchia, fornendo alternative sanitarie sicure ed economiche al pubblico. Renderà la Città Vecchia più attraente per i turisti, che attualmente si vedono affrontare canali putridi pieni di feci ed angoli maleodoranti dove la gente urina sulla via che va da e per il mercato.

    Il costo del progetto è di € 2.800.